Cos'è il GDPR, la nuova Normativa

Europea sui dati personali


in vigore da Maggio 2018.




Bisogna aggiornarsi e bisogna farlo in fretta.







Articolo: Nuovi aggiornamenti Europei.
Progetto: Internet e il web.



E' ancora troppo presto e non è ancora chiarissimo cosa si debba fare

in materia di GDPR (regolamento europeo sulla protezione dei dati),

come sempre succede in Italia.


In particolar modo tocca le Aziende private che non hanno ancora compreso

chiaramente l’impatto della nuova Normativa o non ne sono a conoscenza.

Molti si aggiornano, come il CSI Piemonte che ha organizzato il Workshop dal

contenuto esplicito: “Privacy: Siamo pronti al nuovo regolamento europeo?”.


Fondamentalmente il regolamento fa riferimento a dati e persone identificate

o identificabili per la sua finalità istituzionale. Dati trattati dalle Aziende

nei limiti delle loro funzioni, avendo le stesse l’obbligo di proteggere i dati

stessi. Quindi in primis parliamo di "un dovere d’ufficio, prima della tutela

di un diritto del cittadino", come accenna il Professor Francesco Pizzetti

dall'articolo pubblicato sulla Stampa in questi mesi. In linea di massima questa

Normativa avrà un forte impatto su Imprese ed Enti, soprattutto dal punto

di vista organizzativo e legale e non solo tecnologico.


La scadenza è prevista per il 25 Maggio 2018 e le prime linee guida arrivano

dal Garante. Ma ad oggi (Maggio 2018) non è ancora del tutto chiaro

come bisogna adeguarsi in merito. Il Rapporto Clusit 2017 indica infatti il 2016

come l’anno peggiore per quanto riguarda le minacce Cyber e la tendenza

non sembra migliorare. La Cyber Security in Italia è ancora molto indietro

rispetto agli altri Stati. L’adeguamento, dunque, deve essere tecnologico,

ma anche organizzativo. Nascono così nuove figure professionali

di controllo, puntando su un "data protection officer".


Nascono dei Programmi per l'afflusso e la gestione dei dati e quindi

maggiori controlli sui Siti aziendali. Per tutti gli altri Siti "normali" le variazioni

interesseranno l’informativa Cookie e poco altro, ma per ora siamo in attesa.

Per avere maggiore chiarezza si dovrà attendere l’entrata in vigore del GDPR,

quando la successiva istituzione del Gruppo dei Garanti, permetterà che

Garanti Nazionali stabiliscano insieme le linee guida da seguire per

l’applicazione corretta delle prescrizioni del Regolamento. Infine come

pubblica la Stampa (Tecnologia): "un’importante novità riguarda i Paesi situati

al di fuori dell’Ue, verso i quali è vietato il trasferimento dei dati, se non a

determinate condizioni (consenso esplicito del diretto interessato o sussistenza

</