Le nuove piattaforme lavorative

in uno spazio virtuale

accessibile a tutti. Workplace un


"Posto di lavoro nella rete".



Cos'è Workplace e come si evolve il mondo del lavoro.







Articolo: Uno spazio di lavoro virtuale.
Progetto: Internet e il web.



Workplace è uno spazio comune per condividere idee, collaborare, lavorare

e ampliare i propri orizzonti, uno spazio accessibile a tutti quelli che hanno

competenze nel settore e vogliono confrontarsi con il mondo del lavoro

in costante evoluzione. Un posto di lavoro virtuale ma allo stesso tempo

è anche uno spazio sociale dove nascono e si realizzano nuovi stimoli,

idee, progetti, dove ci si confronta e si iniziano nuovi progetti e avventure

lavorative. Uno spazio all'interno della rete dove si sviluppano nuove

tecnologie di comunicazione e si rimane al passo con la rapida evoluzione

del mondo del lavoro. Un modo nuovo e più veloce di comunicare,

di lavorare, restando costantemente in comunicazione per confrontarsi

ed elaborare nuovi progetti. Una grande rete a ragnatela che ti permette

di essere costantemente on-line in uno spazio virtuale che raggruppa

aziende, operatori, clienti. Formando un team mondiale collegato

con accesso diretto ai file e un collegamento tramite la chatt

con traduzione automatica, le chiamate di gruppo e la condivisione

dello schermo. Tutto questo per unire le persone e migliorare la produttività.




Guarda nel dettaglio Workplace di Facebook :







Come si sviluppa la freelance communities.

Il lavoro virtuale, o anche il lavoro compiuto da un sistema di forze associato

a spostamenti virtuali prende sempre più piede nel web. Ad oggi moltissimi

sono i siti dove liberi professionisti e società che cercano personale

competente s'incontrano. Sono chiamate "freelance communities" e saranno

la piattaforma lavorativa del futuro, ammortizzando costi e spostamenti

per un confronto continuo sempre interconnesso. Un mondo aperto

in modo particolare a informatici, pubblicitari o designer, in generale

tutti gli esperti per cui la presenza fisica in azienda non è necessaria, non solo

Italiani ma anche americani, francesi, cinesi. Questo permette di avere

accesso diretto ai migliori talenti del pianeta con cui si può collaborare

come se fossero nella stanza accanto, ma in realtà si tratta solo di un ufficio

virtuale. In Italia il numero di professionisti che lavora da remoto continua

a crescere; oltre il 50% dei lavoratori afferma infatti di lavorare fuori ufficio

più di due giorni e mezzo a settimana, aumentando la richiesta

di spazi per uffici virtuali, tagliando sulle spese fisse e focalizzandosi

esclusivamente sul business. Utilizzando la videoconferenza, la chatt

in tempo reale, le E-mail di conferma, la condivisione documentale

in Cloud e qualsiasi strumento facilmente accessibile via internet

da casa, dal bar o dall'ufficio del cliente. Così l'azienda "on the road"

diventa un'azienda completamente virtualizzata, distribuita sul territorio,

unendo al modello innovativo flessibilità e confronto continuo.

Le idee corrono più veloci, il confronto è diretto e immediato,

permettendoti di tagliare drasticamente i costi fissi e avere più budget

da investire. Ci si adegua, si cambia e ci si trasforma.



E così alla fine si sceglie per la nuova tendenza virtuale, una tecnica